Into the Wood cs805

 

 

 

 

 

 

 

 

La registrazione rigorosamente live a Lisbona al club Desterro di Lisbona, vede tre coraggiosi improvvisatori all’opera in una situazione cameristica e ricca di energia, derivante dall’intensità del dialogo fra tre strumentisti che hanno fatto dell’estemporaneità della creazione musicale la loro ragione di vita.
Ernesto Rodrigues alla viola e João Madeira al contrabbasso incrociano le corde dei loro strumenti con il clarinetto basso di Bruno Parrinha, in un connubio che si sviluppa in tre episodi, a volte lenti, al volte in grovigli di note e suoni eterodossi che mantengono un loro logica.
È una situazione concentrata, quarantacinque minuti che scorrono lasciando intravedere l’energia che scorre sotto la superfice. Vittorio Loconte (Kathodik)

Recorded live at Desterro, Lisbon in May 2023, is another magisterial example of free minimal music from the Portuguese Masters. The music is very peaceful and tranquil, yet full of expression. The string instruments build a kind of background, on which the bass clarinet of Bruno Parrinha flows. The trio plays a suite in three movements, "I-III". As explained on Bandcamp: "La registrazione rigorosamente live a Lisbona al club Desterro di Lisbona, vede tre coraggiosi improvvisatori all'opera in una situazione cameristica e ricca di energia, derivante dall'intensità del dialogo fra tre strumentisti che hanno fatto dell'estemporaneità della creazione musicale la loro ragione di vita." I personally like the most the opening 19 minutes long "I", with a wonderful syntony and synergy of the string with the delicate lines of the bass clarinet. But the other tracks are also very touching. "II" is the most abstract track of the album.
Finally, "III" lasts 15 minutes and is a little less energetic, but more lyrical, like a free improvised ballad. Maciej Lewenstein